Con Friedrich Nietzsche (affidato a Ferraris), proprio come con Marx, abbiamo a che fare con un´"ermeneutica del sospetto", in cui il filosofo esercita nei confronti del mondo l´atteggiamento speculare all´uomo che gioca d´astuzia. Se quest´ultimo tenta di nascondere, il filosofo sospetta e, quando ci riesce, svela: che dietro ai rapporti di lavoro c´è lo sfruttamento, secondo appunto la teoria di Marx, e che dietro alla morale e ai valori consolidati si cela una volontà di potenza cieca e impersonale, come sostiene Nietzsche.

AUTORI E TESTI
Friedrich Nietzsche
L’antitesi di apollineo e dionisiaco
La vita e la storia
La morte di Dio
L’eterno ritorno dell’uguale
La colpa e l’ascetismo
Il superuomo «Perché sono un destino»
La «grande politica»

IN SINTESI di Maurizio Ferraris